Collegamenti sponsorizzati

Contrassegno assicurazione auto

Contrassegno assicurazione auto: tacito rinnovo e chip elettronico

Pubblicato da
Articolo aggiornato il
Contrassegno assicurazione auto: tacito rinnovo e chip elettronico
Collegamenti sponsorizzati
Il contrassegno dell'assicurazione va messo bene in vista sul parabrezza dell’auto in modo da consentirne un eventuale controllo da parte delle Forze dell’Ordine. Questo lo sapevamo già. Diversi cambiamenti hanno però interessato il settore assicurativo nel bienno 2012-2013. L'eliminazione del tacito rinnovo annuale delle polizze rc auto ha creato un po' di confusione sull'interpretazione dei 15 giorni di tolleranza in riferimento al contrassegno scaduto, mentre grandi novità sono in arrivo nel 2014, con la probabile introduzione del contrassegno assicurativo elettronico al posto del classico tagliando cartaceo. Vediamo tutto nel dettaglio...
 
Cosa succede al contrassegno rc auto con l’eliminazione del tacito rinnovo
La questione del contrassegno e della sua obbligatoria esposizione attestante la copertura assicurativa si ricollega immediatamente alle novità relative all’abolizione del tacito rinnovo e a tutte le variazioni del caso in merito alla sussistenza o meno dei 15 giorni di tolleranza. Su quest’ultimo punto finalmente è stata fatta chiarezza: i 15 giorni di tolleranza e quindi di copertura forniti dalla polizza auto vanno garantiti anche se il consumatore decide di passare ad altra compagnia. Tornando al contrassegno, invece, ciò che rimaneva invariato era quanto previsto dal codice della strada in merito alle contravvenzioni per la mancata esposizione del nuovo tagliando assicurativo (art. 180 e 181 del Codice della Strada).
Con la circolare del Ministero dell’Interno n. 300/A/1319/13/101/20/21/7 del 14 febbraio 2013, all’oggetto “Decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 – Tacito rinnovo delle polizze assicurative” viene stabilito che “mentre la precedente condizione imponeva di verificare la continuità tra la validità di una polizza e la successiva consentendo all’operatore di polizia, nei casi di mancata copertura assicurativa, di orientare l’accertamento dell’illecito anche sull’applicazione dell’articolo 193 del C.d.S., solo se vi era stata disdetta del contratto o comunque mancanza di proroga automatica della polizza, la nuova previsione normativa estende a tutti il beneficio della copertura assicurativa nel predetto periodo di quindici giorni, rendendo di fatto ininfluente tale ulteriore controllo”.
Questo significa che non siamo più passibili di multa per la circolazione della nostra auto con il certificato e il contrassegno assicurativo scaduti, fermo restando che la copertura assicurativa del contratto si prolunga non oltre il quindicesimo giorno dalla data di scadenza dello stesso.

Contrassegno rc auto elettronico: conto alla rovescia…
Il procedimento di dematerializzazione dei contrassegni assicurativi, previsto dal decreto sulle liberalizzazioni del 2012, è in corso, e sarà ultimato probabilmente nel 2014. Se non ci saranno intoppi quindi prepariamoci a staccare il classico tagliando cartaceo dal parabrezza delle nostre auto e lo sostituirlo con il nuovo contrassegno elettronico. Si tratterà probabilmente di un chip elettronico da applicare all’interno dell’auto e faciliterà i controlli da parte delle compagnie assicurative e delle forze dell’ordine circa lo stato delle polizze rc auto. Ma non solo: con il contrassegno elettronico potrà essere rilevata l’esistenza di una polizza scaduta durante la normale circolazione delle auto, grazie ai varchi Ztl nelle città, i sistemi di sorveglianza dei pedaggi autostradali, i tutor che rilevano la velocità delle auto e tutti gli altri sistemi di controllo elettronico del traffico. Il contrassegno elettronico scaduto verrà registrato anche se l’automobilista non commette altri tipi di infrazione, e la multa sarà comminata senza bisogno di contestazione diretta.  

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie

staff http://twitter.com/assicurazion Scrive:
04/10/2013

E' stato pubblicato su Gazzetta Ufficiale il decreto 110 del 9 agosto 2013, con il quale il Governo ha sancito l'avvento del contrassegno elettronico. Il decreto entrerà in vigore il 18 ottobre e prevede un periodo di circa 1 anno e mezzo per il compimento di tutte le operazioni informatiche che renderanno possibile la creazione del database dei contrassegni e la sua condivisione tra i dispositivi di Motorizzazione, Ania, Compagnie assicurative e Forze dell'ordine.


Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Calcolo assicurazione auto

Se vuoi conoscere le offerte migliori per assicurare la tua auto puoi farlo on ...

Confronto assicurazioni auto

Se vuoi risparmiare tempo e denaro nella scelta della tua nuova polizza auto, ...

Preventivi polizze auto

Ottenere un preventivo per una polizza auto su internet è utile e soprattutto ...


Collegamenti sponsorizzati
Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet